Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

Cresce la platea dei codici tributo
tra new entry e ridenominazioni

Quelli nuovi sono istituiti a seguito della misura che ha esteso l’uso dell’F24 ai pagamenti per la registrazione degli atti privati. Per tutti l’operatività decorre dal prossimo 2 marzo

penna

Istituiti nuovi codici tributo per consentire il versamento delle somme dovute per la registrazione degli atti privati in linea con il provvedimento dell’Agenzia del 27 gennaio scorso:

  • 1550 denominato “ATTI PRIVATI - Imposta di registro
  • 1551 denominato “ATTI PRIVATI-Sanzione pecuniaria imposta di registro-Ravvedimento
  • 1552 denominato “ATTI PRIVATI - Imposta di bollo
  • 1553 denominato “ATTI PRIVATI - Sanzione imposta di bollo - Ravvedimento
  • 1554 denominato “ATTI PRIVATI - Interessi”.


  A stabilirlo, la risoluzione n. 9/E del 20 febbraio 2020 dell’Agenzia delle entrate.

Si ricorda che i codici sono stati istituiti in attuazione del decreto Mef dell’8 novembre 2011 che ha previsto l’utilizzo del modello F24 per versamento delle somme dovute per la registrazione degli atti privati, a partire dal 2 marzo 2020. Fino al 31 agosto 2020, però, può essere utilizzato anche l’F23 secondo le attuali modalità. A partire dal 1° settembre 2020, invece, i suddetti pagamenti dovranno essere eseguiti solo con F24.

In sede di compilazione dell’ F24, i codici sono esposti nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, con l’indicazione nel campo “anno di riferimento” dell’anno di formazione dell’atto, nel formato “AAAA”.

Inoltre sono stati appositamente ridenominati i seguenti codici tributo relativi agli avvisi di liquidazione emessi dalle Entrate:

  • A196 ridenominato “ATTI PRIVATI – ATTI GIUDIZIARI - Imposta di registro - somme liquidate dall’ufficio
  • A197 ridenominato “ATTI PRIVATI – ATTI GIUDIZIARI - Sanzione Imposta di registro - somme liquidate dall’ufficio
  • A146 ridenominato “ATTI PRIVATI – ATTI GIUDIZIARI – SUCCESSIONI Imposta di bollo - somme liquidate dall’ufficio
  • A148 ridenominato “ATTI PRIVATI – ATTI GIUDIZIARI – SUCCESSIONI Sanzione Imposta di bollo - somme liquidate dall’ufficio
  • A151 ridenominato “ATTI PRIVATI – SUCCESSIONI - Tributi speciali e compensi - somme liquidate dall’ufficio
  • A152 ridenominato “ATTI PRIVATI – ATTI GIUDIZIARI – SUCCESSIONI - Interessi – somme liquidate dall’ufficio”.


Le spese di notifica relative ai suddetti avvisi sono versate con il vigente codice tributo “9400 – spese di notifica per atti impositivi”.

Nel modello F24 i suddetti codici tributo sono esposti nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, riportando, inoltre, nei campi specificatamente denominati, il “codice ufficio”, il “codice atto” e l’“anno di riferimento” (nel formato “AAAA”), indicati nell’atto emesso dall’ufficio.

URL: https://fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/cresce-platea-dei-codici-tributo-new-entry-e-ridenominazioni