Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Entrate tributarie internazionali.
Da gennaio a ottobre calo diffuso

La forbice riscontrata va dal -5.3% dell’Erario in Irlanda al -10,1% di quello spagnolo

Thumbnail

È online sul sito del Dipartimento delle Finanze il “Bollettino delle Entrate Tributarie Internazionali” dedicato al periodo gennaio-ottobre 2020. Il report, che sulla base dei bollettini mensili pubblicati dalle Amministrazioni fiscali traccia l’analisi comparata dell’andamento del gettito in Francia, Germania, Irlanda, Italia, Portogallo, Regno Unito e Spagna, fotografa per tutti i Paesi monitorati entrate inferiori agli incassi dello stesso periodo del 2019. Dall’Irlanda (-5,3%) alla Spagna (-10,1%), il rallentamento dell’economia generato dalla pandemia a partire da marzo, unito alle misure di sospensione e rinvio di alcune scadenze fiscali, ha comportato un minore flusso di imposte in entrata per le casse erariali dei Paesi analizzati: registrano un calo, infatti, anche le entrate di Italia (- 6,2%), Portogallo (-7,6%), Germania (-8,1%), Regno Unito (-8,5%) e Francia (-9,9%).
Anche il solo gettito Iva ha registrato nei primi dieci mesi del 2020 una flessione in tutti i Paesi considerati. Portogallo (-8,6%) e Germania (-9,1%) hanno riscontrato le riduzioni minori, seguono Regno Unito (-10,1%), Francia (-11,9%), Italia (-12%), Spagna (-12,6%) e infine, più distaccata, Irlanda (-19,2%).

In Irlanda la decrescita più leggera, in Spagna la più pesante
La forbice di questo dato inferiore rispetto al periodo gennaio- ottobre del 2019 la segnano da una parte l’Irlanda, con un -5,3%, e dall’altro la Spagna (-10.1%). Per quanto riguarda la prima, il report segnala il calo delle imposte sui redditi delle persone fisiche (-3,3%) e soprattutto di Iva (-19,2%) e accise (-12,1%), mentre hanno registrato comunque una crescita l’imposta sul reddito delle società (+11,4%) e l’imposta di bollo (+40,8%). In Spagna si è registrata una contrazione sia del gettito delle imposte dirette (-7,8%) sia di quello delle imposte indirette (-12,4%). In particolare, si è mantenuto stabile il gettito dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, mentre sono in calo quello dell’Iva (-12,6%) e quello dell’imposta sul reddito delle società (-36%).

Il calo in Portogallo e Germania
In Portogallo il gettito tributario ha visto una decrescita del 7,6% imputabile, tra l’altro, all’andamento negativo dell’imposta sui redditi delle società (-25,4%) e dell’Iva (- 8,6%), mentre è risultato in crescita il gettito dell’imposta sui redditi delle persone fisiche (+2,5%). Poco diversa la situazione in Germania, in cui le entrate tra gennaio e ottobre 2020 risultano inferiori dell’8,1% rispetto all’analoga rilevazione fatta l’anno scorso. Questo risultato comprende, tra gli altri, l’andamento negativo dell’Iva (-9,1%), dell’imposta sul reddito delle società (-34%) e dell’imposta sui salari (-5,2%), ma anche alcune variazioni positive come il gettito dell’imposta sulle assicurazioni (+2,8%), dell’imposta speciale sul tabacco (+1,5%) e dell’imposta sui motoveicoli (+1,6%).

L’analisi su Regno Unito e Francia
Nel Regno Unito le entrate tributarie hanno riscontrato una diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2019 (-8,5%), in leggera ripresa rispetto alla precedente rilevazione del periodo gennaio-settembre (-10,1%). È calato il gettito delle imposte dirette (-5,2%), come anche quello delle imposte indirette (-11,9%). In particolare, su queste ultime, si segnala la contrazione dell’Iva (-10,1%).
Per quanto riguarda le entrate in Francia, le entrate tributarie, rilevate sempre al netto dei rimborsi e degli sgravi fiscali, hanno riscontato una contrazione di oltre 22 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2019 (-9,9%). Un calo è stato riscontrato sin particolare sul gettito Iva (-11,9%) e delle imposte sui redditi (-8,4%). L’imposta sul reddito delle società invece è cresciuta rispetto ad ottobre 2019. Infine, tra le imposte indirette è stato segnalato il calo dell’accisa sui consumi dei prodotti energetici di circa 3 miliardi di euro rispetto al medesimo periodo del 2019 (-27,9%).

URL: https://fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/entrate-tributarie-internazionali-gennaio-ottobre-calo-diffuso