Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Dal mondo

Il cashback sbarca in Est Africa. 
Le manovre di Kenya, Tanzania e Uganda

Le principali economie dell’ Eastern African Community presentano insieme le loro finanziarie e puntano a una moneta comune per il 2023

comunità africa orientale

Il 10 giugno Kenya, Tanzania e Uganda hanno presentato le loro nuove manovre di bilancio. La scelta di una stessa data non è una coincidenza: si tratta infatti dei tre stati principali della Eastern African Community (Eac), la comunità dei Paesi dell’Africa Orientale fondata nel 2000 con l’obiettivo di tramutare in un punto di forza il comune pesante passato coloniale.
La legge di budget presentata dal Kenya punta in primo luogo a ridurre il deficit e sostenere il rilancio dell’economia. La Tanzania, forte di una crescita del 4,8% del prodotto interno lordo nel 2020, riconducibile secondo alcuni osservatori alla scelta di non adottare provvedimenti di lockdown, punta a rafforzare la competitività e a favorire l’industrializzazione del Paese. Obiettivi in linea generalie condivisi dall’Uganda, che registra una crescita attorno al 3%.
I tre Paesi mettono in campo diversi strumenti fiscali: il cashback ugandese, la tassazione dei mercati digitali in Kenya e la rimodulazione delle esenzioni  Iva in Tanzania sono esempi di come questi Stati intendono indirizzare lo sviluppo economico. In un continente che da pochi mesi ha dato il via a un nuovo mercato unico e punta a fare del XXII il secolo africano, il “gruppo di testa” dell’Eac cammina compatto e punta alla moneta unica per il 2023.

In Kenya si estende il perimetro dell’Iva sui mercati digitali
“Ricostruire meglio”: è questo lo slogan scelto dal governo di Nairobi per descrivere la strategia di sviluppo economico, crescita inclusiva e allo stesso tempo di riduzione del disavanzo pubblico tracciata dal nuovo budget.  Tra gli obiettivi della manovra, il finanziamento della sanità pubblica con copertura universale e il rafforzamento della sicurezza alimentare.  Dal punto di vista fiscale è messa nero su bianco l’estensione dal 1° luglio della gamma dei servizi digitali sottoposti ad Iva: entrano a far parte dell’elenco alcune forniture tramite internet finora escluse dall’imposta sul valore aggiunto e si amplia il perimetro del Digital Marketplace a cui si applica l’Iva.

Tanzania, esenzioni Iva per rilanciare agricoltura e industria
Il tema scelto dall’amministrazione della Tanzania per presentare il nuovo budget è "Realizzare la competitività e l'industrializzazione per lo sviluppo umano".  In questo caso il governo del Paese mette in campo una fitta rimodulazione delle esenzioni Iva, in modo da indirizzare lo sviluppo di alcuni settori dell’economia. In particolare, per quanto riguarda il settore primario, sono esentati dall’Iva l’acquisto di celle frigorifere - per favorire lo sviluppo dell’agricoltura industriale -  e la stipula di assicurazioni sull’acquisto di bestiame. Per quanto riguarda l’industria spicca l’esenzione Iva sull’importazione di minerali e metalli destinati agli impianti di raffinazione, che punta a rilanciare l’occupazione nel settore. Per favorire l’utilizzo delle nuove tecnologie sono, inoltre, introdotte esenzioni Iva su smartphone, tablet e modem.

L’Uganda introduce il Cashback
Nei loro tratti generali gli obiettivi dell’esecutivo dell’Uganda in tema di budget sono molto simili a quelli indicati dalla Tanzania e sono riassunti nella formula “Industrializzazione per una crescita inclusiva, occupazione e creazione di ricchezza”.  Progetti per cui sono necessarie entrate ingenti e stabili. Per favorire il ricorso ai pagamenti elettronici – e quindi contrastare l’evasione fiscale e l’economia sommersa – è in programma l’introduzione di una vera e propria forma di cashback: la restituzione del 5% dell’Iva al contribuente che compie acquisti per almeno 5 milioni di scellini ugandesi  in un arco di 30 giorni consecutivi. Una cifra pari a quasi 1200 euro, una soglia piuttosto elevata in una nazione in cui il reddito medio mensile viene stimato in circa 136 euro.

 

URL: https://fiscooggi.it/rubrica/dal-mondo/articolo/cashback-sbarca-est-africa-manovre-kenya-tanzania-e-uganda