Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Avviso ai litiganti

L’avviso notificato alla società
sufficiente anche per i suoi membri

Il reddito utile ai fini Irpef è imputato ai componenti della compagine automaticamente in relazione alla loro quota di partecipazione

immagine generica illustrativa

SINTESI: L’unitarietà dell’accertamento ai fini delle imposte sui redditi dei singoli soci, prescritta dall’art. 40 del DPR n. 600 1973, non comporta che l’avviso di accertamento emesso nei confronti della società debba essere, a pena di nullità, notificato ai singoli soci. Per questi ultimi, quindi, la predetta notifica non è necessaria in funzione dell’accertamento del reddito di partecipazione, automaticamente imputato al socio, ai sensi dell’art. 5 (poi art. 5 TUIR) del DPR n. 597 del 1973, ai fini IRPEF in relazione alla sua quota di partecipazione (cfr., ex multis, Cass. n. 20707 del 2007).

Sentenza n. 2224 del 2 febbraio 2021 (udienza 2 dicembre 2020)
Cassazione Civile, sezione V – Pres. Cirillo Ettore – Est. D’orazio Luigi
Art. 40 del DPR n. 600 1973 – Unitarietà dell’accertamento nelle società di persone – L’avviso di accertamento nei confronti della società non deve essere necessariamente notificato ai singoli soci – Il reddito viene imputato al socio automaticamente in relazione alla sua quota di partecipazione

URL: https://fiscooggi.it/rubrica/avviso-ai-litiganti/articolo/lavviso-notificato-alla-societa-sufficiente-anche-suoi-membri