Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Attualità

Kuwait-City giù le tasse sui profitti per le società estere

Approvato dal Parlamento il taglio dell’imposta che si applica sui redditi delle imprese straniere

Thumbnail
La nuova legge, che attende ora soltanto il via libera dell’Emiro Sheik Sabah, prevede la riduzione dell’aliquota dall’attuale 55 al 15 per cento. Il dilemma dell’Emirato ora è: dove investire gli oltre 250 miliardi di dollari di capitali disponibili? Fisco soft per gli stranieri e petrolio in abbondanza. È questo il nuovo credo fiscal-finanziario adottato dalle autorità kuwaitiane con la decisione di tagliare, a decorrere dal 2008, l’imposta sui redditi delle imprese straniere dall’attuale 55 fino al 15 per cento.
La nuova norma, approvata dal Parlamento in seduta plenaria con 37 voti favorevoli e 17 contrari, eccezione questa piuttosto rara nel panorama politico dell’Emirato, diventerà ufficialmente legge soltanto dopo aver ricevuto il via libera definitivo dell’Emiro Sheikh Sabah al Ahmad al Sabah, massima autorità del Paese. Una luce verde questa che, peraltro, sembrerebbe scontata, dato che l’intera strategia all’origine del mutamento intrapreso in anni recenti dalla politica e dall’economia del Kuwait è il frutto d’un cambiamento deciso e gestito invariabilmente dall’alto.

Kuwait-City, da regno del Warfare a monarchia offshore
Obiettivo della nuova politica, di cui il taglio delle imposte sui profitti degli operatori e degli investitori esteri, dal 55 al 15 per cento, costituisce un tassello fondamentale, è di giungere in tempi brevi alla rifondazione dell’Emirato, possibilmente trasformandolo in una sorta di centro finanziario d’eccellenza. Insomma, una vera e propria piazza offshore, capace di competere con la vicina Dubai e, naturalmente, con New York, Londra, Hong Kong e Singapore. A questo riguardo è da sottolineare come gli imprenditori e i lavoratori dipendenti di nazionalità kuwaitiana, ma anche stranieri già da tempo non versano l’imposta ordinaria sui redditi delle persone fisiche. Infatti, l’unica imposta ancora fonte di risorse per l’erario dell’Emirato è costituita da quella che si applica sui profitti e sui bilanci delle aziende estere, la cui aliquota però sarà ridotta, a partire dal 2008, dal 55 fino al 15 per cento.

Spazio anche a Borsa e privatizzazioni: si comincia dalla compagnia aerea
Il 2008, oltre a sancire l’addio definitivo tra Kuwait-City e il Fisco, vedrà anche impegnato l’Emirato in una politica di accelerazione delle privatizzazioni e dell’apertura del mercato interno nei confronti degli investitori esteri. Rispetto alle privatizzazioni, la prima grande società che si affrancherà dalla mano pubblica sarà la Kuwait Airways, ovvero la compagnia aerea che gestisce i collegamenti via cielo tra le sabbie e i pozzi petroliferi del Kuwait e il resto del Pianeta. Un passaggio questo salutato come epocale da esperti e analisti internazionali. Riguardo invece alla Borsa, dopo il lancio della Kuwait Stock Exchange, inizialmente chiusa agli stranieri, oggi il mercato azionario di Kuwait City è aperto agli investitori esteri ed è oramai prodigo di generosi incentivi come, per esempio, i dieci anni di vacanza che il Fisco si prende nei confronti degli operatori che scelgono di portare sulla piazza finanziaria dell’Emirato le loro fortune o una quota di esse.

Una questione di soldi
I mutamenti significativi in atto nell’Emirato non sono né casuali né originati da ansie etiche. Piuttosto si tratta di meri turbamenti contabili. Il primo è riconducibile al fatto che mentre a Kuwait City gli investitori esteri fanno arrivare soltanto 300 milioni di dollari l’anno, e questo nonostante vi siano riserve petrolifere di circa 100 miliardi di barili di petrolio, i flussi d’investimento che atterrano a Dubai corrono invece oltre i 18 miliardi di dollari. Si tratta di un differenziale enorme, che le autorità kuwaitiane hanno però deciso di ricondurre in equilibrio. Il taglio dell’imposta sui profitti delle società estere dovrebbe aiutare l’economia kuwaitiana nell’impresa di riallineare le proprie performance con quelle dei vicini.
URL: https://fiscooggi.it/rubrica/attualita/articolo/kuwait-city-giu-tasse-sui-profitti-societa-estere