Attualità
La cessione d'azienda (4)
Aspetti contabili

Aspetti contabili
Per quanto riguarda gli aspetti contabili della cessione d'azienda, va detto che il codice civile nulla prevede espressamente sull'argomento. Solitamente, in occasione di un'operazione di cessione d'azienda, è prassi redigere un bilancio straordinario costituito dal solo stato patrimoniale dell'azienda ceduta, con indicazione a valori correnti delle attività e passività trasferite e dell'eventuale avviamento (la somma algebrica di tali elementi rappresenta il prezzo di cessione).
Tuttavia, non vi è un obbligo specifico rispetto a tale adempimento, in quanto il prezzo di cessione potrebbe essere determinato in maniera globale. In tale eventualità, sorge il problema dell'allocazione del prezzo tra le attività e le passività acquisite dal cessionario.

In ogni caso, il cedente deve effettuare, al momento della cessione, le opportune scritture di assestamento al fine di determinare la competenza dei costi e dei ricavi per la frazione di esercizio già trascorsa.
E' necessario, inoltre, eliminare gli elementi dell'attivo e del passivo non trasferibili, e che cessano di esistere, tramite la rilevazione di componenti reddituali da imputare a conto economico. Trattasi, in particolare, di oneri pluriennali da ammortizzare per i quali non vi sarà utilità futura (ad esempio, spese di impianto) e dei fondi rischi per i quali non saranno più sostenuti in futuro gli oneri connessi (ad esempio, fondo responsabilità civile).
Successivamente, il cedente dovrà scaricare dalla contabilità le attività e le passività cedute secondo i valori contabili delle stesse. Procederà, quindi, a iscrivere nell'attivo patrimoniale un credito verso il cessionario, pari al prezzo pattuito per l'azienda ceduta, e a rilevare nel conto economico una plusvalenza (o minusvalenza), che concorrerà alla determinazione del risultato economico. Detta plusvalenza sarà costituita dalla differenza tra il prezzo di cessione e la somma algebrica delle attività e passività cedute espresse a valori contabili, e potrà differire da quella determinata ai fini fiscali.

Per quanto riguarda il cessionario, occorre innanzitutto distinguere il caso in cui lo stesso inizi l'attività in seguito all'acquisto dell'azienda ovvero già svolga un'attività imprenditoriale. Nel primo caso, è necessario in primis rilevare la costituzione dell'impresa registrando l'apporto dei mezzi iniziali. Successivamente, il cessionario dovrà recepire in contabilità le attività e passività relative all'azienda acquistata, rilevando, in contropartita, il debito verso il cedente o l'uscita finanziaria.
Generalmente, le attività e passività predette sono iscritte dal cessionario a valori correnti e non sulla base dei valori contabili assunti in capo al cedente. L'eventuale differenza rispetto al prezzo di cessione costituirà il valore dell'avviamento, iscritto come tale dal cessionario tra le immobilizzazioni immateriali e ammortizzato negli anni successivi (tralasciamo in questa sede le ipotesi in cui l'acquirente sia soggetto agli Ias). Ai sensi dell'articolo 2424, primo comma, n. 6, del codice civile, se l'acquirente è una società di capitali, l'avviamento può essere iscritto nell'attivo solo con il consenso del collegio sindacale, ove esistente.
Per quanto riguarda il periodo di ammortamento questo è stabilito, a norma del citato n. 6, in cinque anni. Tuttavia, è consentito ammortizzare sistematicamente l'avviamento anche per un periodo limitato di durata superiore, in relazione alla maggiore vita utile del bene, purché ne sia data motivazione nella nota integrativa (il principio contabile nazionale n. 24 stabilisce una durata massima pari a venti anni).

Esempio numerico
Si ipotizzi la cessione di un'azienda posseduta da un imprenditore individuale alla data del 30 giugno dell'anno X. La situazione contabile a tale data, dopo le scritture di assestamento effettuate dal cedente, è la seguente:

ATTIVOPASSIVO
Attrezzature80Patrimonio netto155
Automezzi110Utile15
Merci50Fondo rischi per cause in corso30
Crediti v/clienti60Debiti v/fornitori70
Cassa10Debiti vari40
Totale dare310Totale avere310


Con l'aiuto di un professionista, il cedente provvede alla valutazione dei beni aziendali a valori correnti (di mercato), e alla determinazione dell'avviamento.
Nel contratto di cessione, il prezzo (pari a 250) viene frazionato nei valori attribuiti alle attività cedute e alle passività accollate nel seguente modo:
  • attrezzature: valore di perizia pari a 90
  • automezzi: valore corrente sul mercato dell'usato pari a 85
  • merci: vengono valutate allo stesso valore in capo al cedente pari a 50
  • crediti v/clienti: valore di presumibile realizzo pari a 30
  • debiti v/fornitori: valore nominale pari a 70
  • avviamento: valutato per un importo pari a 65.

Non viene ceduto il denaro in cassa e l'acquirente non si accolla i debiti vari. Il fondo rischi per cause in corso viene estinto.

Calcolo del prezzo di cessione

+attrezzature90
+automezzi85
+merci50
+crediti v/clienti30
+avviamento 65
-debiti v/fornitori70
prezzo di cessione250


Calcolo della plusvalenza
La plusvalenza è determinata dalla differenza tra il prezzo di cessione e la somma algebrica delle attività cedute e delle passività accollate, espresse a valori contabili:

prezzo di cessione250-
valore azienda ceduta230
plusvalenza20


Il valore dell'azienda ceduta, espressa a valori contabili, è cosi determinato:

ATTIVITA'

Attrezzature80
Automezzi 110
Merci 50
Crediti v/clienti60
Totale attività300

PASSIVITA'

Debiti v/fornitori70
Totale passività70
Valore azienda ceduta230


Scritture contabili del cedente
Il cedente rileva nelle proprie scritture la cessione dell'azienda tramite lo scarico, a valori contabili, delle attività e passività trasferite. In concomitanza viene iscritto nell'attivo dello stato patrimoniale un credito verso il cessionario pari al corrispettivo stabilito per la cessione e, tra i ricavi, la plusvalenza realizzata.

DATAOPERAZIONEDAREAVERE

30/06

Attrezzature 80
 Automezzi 110
 Merci 50
 Crediti v/clienti 60
 Debiti v/fornitori70 
 Crediti v/cessionario azienda250 
 Plusvalenza di cessione 20


Scritture contabili del cessionario
Il cessionario rileva l'acquisto dell'azienda iscrivendo nelle proprie scritture le attività, compreso l'avviamento, e le passività valorizzate in base a quanto stabilito nel contratto di cessione. Viene registrato anche il debito verso il cedente pari al prezzo pagato per l'acquisto dell'azienda.

DATAOPERAZIONEDAREAVERE

30/06

Attrezzature90
Automezzi85
Merci50
Crediti v/clienti30
Avviamento65
Debiti v/fornitori70
Debiti v/cedente azienda250



4 - fine. Le prime tre puntate sono disponibili nella sezione "Riflettori su..."

Gianluca Martani
pubblicato Venerdì 18 Novembre 2005

I più letti

testo alternativo per immagine
Il patrimonio informativo dell’Agenzia, finora utilizzato soprattutto per finalità di controllo, sarà impiegato, per la prima volta, per fornire un reale servizio ai cittadini
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
immagine
Fornendo le coordinate bancarie si accorciano i tempi per la restituzione delle somme a credito che arrivano al beneficiario in maniera più celere e sicura. L’appello è via Pec
vignetta
Ribadito un principio fondamentale del sistema tributario: un costo, per essere “scalato”, deve essere debitamente documentato e proporzionato al tipo di attività svolta
testo alternativo per immagine
La scadenza riguarda anche i finanziamenti e le capitalizzazioni effettuate a favore dell’impresa, ma soltanto se di importo complessivo non inferiore a 3.600 euro
pacco dono con banconote
Legittima nel primo caso se sussistono i presupposti, cioè se il contribuente fornisce la prova dell’inerenza all’attività svolta; va invece esclusa nel secondo caso
mela
Sul sito dell’Agenzia disponibile, inoltre, il pacchetto informatico che consente di verificare che i file predisposti siano conformi ai criteri necessari per terminare la procedura
vignetta
La spesa, detraibile al 19%, può essere documentata con fattura o ricevuta fiscale, ma sono validi anche il bollettino bancario o postale o la quietanza di pagamento
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
testo alternativo per immagine
Le modalità di presentazione via web della delega di pagamento unificato. La versione cartacea sopravvivrà per i versamenti di importi esigui e in qualche ipotesi residua
testo alternativo per immagine
Online, in bozza, il modello che i sostituti d’imposta dovranno utilizzare, dal 2015, per comunicare i dati riguardanti le somme corrisposte nel periodo d’imposta precedente
testo alternativo per immagine
Tutto sull’ok del professionista, tenuto a verificare la corrispondenza fra dichiarazione e scritture contabili anche quando il dare-avere si riferisce a imposte sui redditi e Irap
pagina sito Mise
Quando l’Amministrazione finanziaria può procurarsi direttamente i “recapiti”, l’adempimento informativo diventa superfluo. Questo, nell’ottica della semplificazione
Occhio ai paragrafi sui contratti di cash pooling, in particolare a quelli che espongono le regole di contabilizzazione della gestione accentrata della tesoreria di gruppo